Nel mese di febbraio sono tre i giorni clou per le scadenze fiscali. Se le prime due settimane del mese saranno senza particolari scadenze, dal 15 febbraio in avanti il calendario andrà a riempirsi di date in cui è previsto il pagamento di tasse e contributi.

15 febbraio 2024 

IVA per la fatturazione differita del mese precedente. A tal proposito l’Agenzia delle Entrate rende noto che la deadline è valida anche qualora le fatture siano state emesse nel corso delle prime due settimane di febbraio, purché la data indicata nel documento sia antecedente al 31 gennaio 2024.

16 febbraio 2024

versamento delle ritenute per i sostituti d’imposta, i contributi INPS di artigiani e commercianti (i liberi professionisti attivi nei settori dell’artigianato e del commercio dovranno versare la prima rata INPS dell’anno sulle somme incassate da lavoro autonomo) ed il versamento delle imposte sulle locazioni brevi (in particolare, andranno versate le somme relative ai canoni che i proprietari hanno comunicato nel registro degli affitti brevi).

28 febbraio 2024

i contribuenti che hanno aderito alla Rottamazione quater dovranno versare allo Stato la terza rata concordata con l’Agenzia delle entrate.

Hai bisogno di Consulenza sulle prossime scadenze fiscali? Rivolgiti al Caf Confesercenti.

 

 

L’articolo Scadenze fiscali: le principali di febbraio proviene da Confesercenti Nazionale.